Consigli per una corretta degustazione

La birra artigianale è una birra non pastorizzata e non filtrata; essa è caratterizzata da un aspetto un po’ torbido, dovuto ai lieviti in circolo (sinonimo di purezza) e che si possono facilmente notare sul fondo della bottiglia. Questo residuo ha un ruolo fondamentale: caratterizza il gusto e la sostanza della birra.

Il gusto ovviamente dipende dai tipi di birra che andrete ad assaggiare; ne esistono ad alta fermentazione (es. Abazia, Ale, Altibier), a bassa fermentazione (Bock, Lager), non fermentate o crude (Keller), di frumento (Weizen), chiare, scure, ambrate, e così via…

Per poter gustare in modo corretto una birra artigianale rifermentata in bottiglia e coglierne così tutte le peculiarità vi consigliamo:

di munirvi di un bicchiere adatto alla birra e di sciacquarlo con acqua fredda per eliminare ogni attrito e, dunque, la formazione di schiuma eccessiva;
iniziate la spillatura della birra lentamente, con un’angolazione del bicchiere di 45° e distante circa 20 centimetri dal collo della bottiglia;
quando il bicchiere è già a metà, ridurre gradualmente l’inclinazione;
roteare dolcemente la birra rimasta nella bottiglia così da staccare e mischiare alla schiuma i lieviti attaccati sul fondo.

Per assaporare nella sua integrale fragranza una birra artigianale i lieviti vanno bevuti; essi cambiano profondamente il sapore della birra e la loro assenza influenzerebbe notevolmente la corretta degustazione.

Ma come ogni cosa… de gustibus non disputandum est!

Buona birra.

Posted in Curiosità.